Trenta assunzioni per il Comune, il delegato Di Leo: «Stiamo ripartendo»


Con l’assunzione che avverrà la prossima settimana di un nuovo operaio, si completa il fabbisogno della pianta organica del Comune di Terracina per il 2017. Quest’ultima unità si aggiunge agli altri tre operai entrati in servizio ai cinque agenti di Polizia Locale a tempo indeterminato con part time verticale, l’amministrativo di categoria C e i due tecnici di categoria D per un totale di 12 unità, tutte relative al fabbisogno del 2017. Altre 8 unità, relative al fabbisogno del 2018, stanno per assumere l’incarico. Infatti, il prossimo 23 agosto, infatti, termineranno i termini per la mobilità volontaria, destinati con contratto a tempo indeterminato, due C tecnici, un C amministrativo, un C contabile e un C agente di Polizia Locale, quindi un altro agente di Polizia Locale di categoria D1 e il Direttore del Museo D3 a tempo parziale. All’inizio della prossima settimana entreranno in organico ulteriori cinque agenti di Polizia Locale stagionali che si aggiungeranno ai cinque già in servizio, per un totale di 10 vigili stagionali.

Il ritardo dell’assunzione dell’ultima tranche è dovuto alla necessità di attingere il personale ad altre graduatorie visto che i cinque della graduatoria locale chiamati in servizio hanno rifiutato l’incarico. Per quanto riguarda il fabbisogno 2019 sono attualmente allo studio le nuove tabelle che determineranno le necessità di organico per il prossimo anno, tabelle che dovranno comunque tenere conto di un turn over consentito con non può andare oltre il 75%, vale a dire tre nuove assunzioni ogni quattro dismissioni dal lavoro. “La macchina amministrativa – afferma il consigliere con delega al Personale Davide Di Leo-, dopo la massiccia uscita dal lavoro di personale per raggiunti limiti di età, ha sofferto di gravi carenze con i conseguenti disservizi. Oggi, finalmente, possiamo “rimpolpare” gli uffici e i servizi con forze fresche. Anche gli spostamenti di molti Uffici Comunali, alcuni in corso di trasferimento, altri lo faranno molto presto, rientrano in quella riorganizzazione che indubbiamente porterà benefici ai cittadini e all’Ente. La logica è quella di collocare in zone servite da parcheggi e viabilità più comoda quei servizi caratterizzati dalla fruizione diretta e quotidiana da parte dei cittadini, favorendo anche ambienti più confortevoli sia per gli utenti che per i dipendenti. Una politica di qualità deve promuovere una macchina amministrativa di qualità, una delle condizioni essenziali per il successo dell’azione di governo”.

Share this post