Tutor in galleria, Procaccini: «Una tassa giusta se serve a salvare vite»


procaccini-nicola

Il tutor in galleria è la tassa più giusta che il Comune di Terracina possa far pagare se serve a salvare vite umane. Lo ha affermato il sindaco Nicola Procaccini nel corso di un incontro organizzato dall’amministrazione comunale a Borgo Hermada. Durante il dibattito, mentre venivano illustrate le opere pubbliche che saranno realizzate nella frazione di Terracina, è stato tirato in ballo il tutor nella galleria Monte Giove e i milioni di euro incassati o ancora da incassare grazie al rilevatore elettronico della velocità. 

«Questo è un argomento che vale la pena sottolineare» ha spiegato Procaccini. «Come amministrazione abbiamo fatto delle scelte, che rivendico con orgoglio. Quella è una tassa su chi mette a rischio la propria vita e quella degli altri. È l’unica tassa giusta che esista se serve alla sicurezza. Fare un incidente in una galleria lunga due chilometri non è la stessa cosa che farlo fuori». Il primo cittadino ha fornito anche dei numeri al riguardo. In un anno nella galleria Monte Giove sono passati quasi sei milioni di veicoli, di questi quasi 100mila hanno commesso un’infrazione. Si tratta quindi di numeri importanti, ma percentuali minime dei multati sul totale dei veicoli in transito. «È stato calcolato che se vai al doppio del consentito, sui 160 chilometri orari, impieghi un minuto e un secondo per percorrere la galleria. Se vai al limite previsto, impieghi due minuti e due secondi. In pratica un minuto, un solo minuto in più – ha concluso Procaccini – vale la pena spenderli se si tratta di sicurezza».

Share this post