Un nuovo sviluppo per il turismo di Terracina


“Un nuovo sviluppo per il turismo di Terracina”, convegno venerdì 11 marzo ore 17 presso l’Hotel Ristorante 116, Lungomare Circe 116

Gianluca Corradini incontra gli operatori turistici, i ristoratori, gli albergatori, i balneari, i consorzi e le associazioni di categoria. Intervengono Antonio D’Ettorre, tour operator, e Francesca Traclò, autrice del libro “Oltre i limiti del turismo all’italiana”.

“Un nuovo sviluppo per il turismo di Terracina”, è il titolo del convegno promosso da Gianluca Corradini, candidato a sindaco e imprenditore del settore, e Antonio D’Ettorre, operatore turistico e tour operator. A partire dall’invito di D’Ettorre, il candidato sindaco di Forza Italia ha deciso di riunire ed incontrare tutti gli operatori turistici, i ristoratori, gli albergatori, i balneari, i consorzi e le associazioni di categoria per ascoltare le esigenze di tutti e fare squadra per la promozione di Terracina.

“Abbiamo vissuto un periodo d’oro per il turismo – ricorda D’Ettorre -, adesso il settore è decaduto. Prima venivano russi e scandinavi, adesso la promozione è affidata ai privati, ai singoli tour operator che partecipano alle fiere internazionali. Dovrebbero essere i Comuni che, facendo sistema tra loro, promuovono tutta la Riviera nei mercati internazionali e si impegnino, a livello locale, a garantire i servizi per i turisti: mare e spiagge puliti, trasporti e parcheggi”.

“E’ apprezzabile che dopo il nostro intervento sul turismo e sulla necessità di formare un consorzio di promozione del comprensorio, il Commissario Ocello abbia deciso di convocare operatori e associazioni per la prossima stagione balneare – spiega Corradini -. In realtà bisogna ripensare completamente il modello di turismo e di promozione di Terracina e di tutta la Riviera. Ho più volte ribadito che la collaborazione tra i Comuni è fondamentale. Fare sistema tra gli operatori turistici, l’amministrazione pubblica e le altre città della costa è importante per sviluppare concretamente la nostra vocazione turistica e per promuoverci al meglio ai turisti italiani e stranieri. Ho già detto che è logico che il ruolo da capofila deve essere di Terracina perché la nostra città è la seconda della provincia per numero di esercizi commerciali nel settore della ricettività”.

Al convegno interverrà anche Francesca Traclò, Professoressa dell’economia dell’innovazione all’Università Internazionale ed autrice del libro “Oltre i limiti del turismo all’italiana”.

Share this post