Una piazza tra le scuole, l’idea di una “cittadella dei saperi”


Il progetto è futuristico, forse è anche prematuro parlarne già. Ma chissà, risparmiando qua e là con i risparmi che derivano dai ribassi d’asta di altri appalti, forse il piano potrà trasformarsi in realtà. È uno degli spunti emersi dall’incontro pubblico che si è tenuto nei giorni scorsi per la presentazione dei lavori di riqualificazione di via Badino. Quando si è parlato di traffico, l’argomento si è spostato anche sull’incrocio fra via Badino e via Pantanelle. Un tratto a rischio ingorgo anche per la presenza di due importanti poli scolastici come il liceo “Da Vinci” e l’istituto tecnico “Bianchini”. A questo punto, rimbalzando tra sindaco Nicola Procaccini e assessore ai Lavori pubblici Luca Caringi, è venuto fuori un progetto – per ora un’idea – di riqualificazione dell’area. Si prevede la realizzazione di una grande piazza pedonale al posto dell’arena Pillì. Uno spazio aperto di raccordo fra via Badino e via Pantanelle, oltre che un punto di incontro fra le due scuole. Un posto dove i ragazzi possano passare del tempo in tutta sicurezze, fra panchine e alberi. Una sorta di “cittadella dei saperi” a metà strada fra liceo e istituto tecnico, uno spazio per studenti e adolescenti. Per altro a pochi passi dall’auditorium del “Da Vinci” i cui lavori, è stato anche detto, dovrebbero sbloccarsi e ripartire da qui ai prossimi mesi. 

Share this post