Un’altra bandiera blu, Procaccini: «Pensiamo a lavorare per il 2019»


Per il quarto anno consecutivo Terracina ottiene la Bandiera Blu, il prestigioso riconoscimento riservato a quelle spiagge che godono di acque pulite e di servizi di qualità. “Sta diventando una straordinaria consuetudine – afferma il sindaco Procaccini -, ma confermare il riconoscimento costa lavoro, sacrifici e perseveranza nelle buone pratiche da parte di tutti, a cominciare i cittadini, protagonisti principali di questo successo. È necessario mantenere e, anzi, elevare ulteriormente gli standard qualitativi dell’offerta turistica terracinese perché a perderla ci vuole pochissimo e non oso immaginare la reazione della città davanti ad una delusione del genere. Ecco perché dobbiamo esserne particolarmente orgogliosi e pensare già a lavorare per il 2019. Ci tengo a sottolineare – prosegue il sindaco – che Terracina ha ottenuto dieci punti, il punteggio massimo previsto, per le attività di educazione e sensibilizzazione ambientale poste in essere, un fiore all’occhiello tra le azioni allestite per raggiungere l’ambito riconoscimento, oltre ad essere la città del Lazio, tra quelle che superano i 25 mila abitanti, con la più alta percentuale di raccolta differenziata dei rifiuti. Complimenti e grazie ai terracinesi per il loro grande impegno”.  L’assessore all’Ambiente Emanuela Zappone, che oggi, accompagnata dal dirigente comunale Giancarlo De Simone, ha ritirato a Roma la Bandiera Blu dalle mani del Presidente della FEE Italia Claudio Mazza, dichiara che “è stato emozionante perché essere lì e percepire la palpabile soddisfazione degli amministratori delle città premiate fa comprendere ancora meglio quale sia l’importanza di questo riconoscimento. Terracina ha lavorato di squadra e desidero ringraziare tutti i colleghi assessori, gli Uffici Comunali, gli operatori balneari, le associazioni ambientaliste, la De Vizia Transfer Urbaser, le scuole e tutti i cittadini per aver creato questa straordinaria rete che ci ha portato per il quarto anno consecutivo a raggiungere il successo. Anche quest’anno sono in programma eventi ed iniziative che coniugano  sensibilizzazione e intrattenimento”. Il vice sindaco e assessore alle Politiche Sociali e all’Istruzione Robarta Tintari evidenzia come “tutte le scuole dei tre Istituti comprensivi terracinesi hanno ottenuto la Bandiera Verde Eco-School, il riconoscimento riservato alle scuole primarie grazie al grande lavoro di alunni e docenti. Quest’anno – prosegue Tintari –, a seguito del bando assegnato, ci sarà anche un arenile comunale attrezzato per i disabili con passerella fino alla battigia e servizi specifici. Tutte queste iniziative, giustamente attese da tanti cittadini e famiglie che vivono questa realtà, non si realizzano con semplicità e richiedono l’osservanza di una serie di obblighi di legge che tutelano la qualità del servizio, ma che comportano anche alcune difficoltà. Un passo alla volta, stiamo cercando di dare risposte a tutti”. L’assessore al Turismo Barbara Cerilli si unisce ai ringraziamenti dei colleghi e desidera sottolineare “come la Bandiera Blu qualifichi un alto livello del turismo. L’obiettivo è quello di alzare ancora l’asticella e sono certa che, grazie alla decisiva collaborazione degli operatori del turismo e della cultura, Terracina potrà contare su una qualità sempre maggiore e aumentare la fiducia nelle proprie possibilità”. Il delegato ai Grandi Eventi, Andrea Bennato, si dice entusiasta e annuncia che “il 27 agosto tutta la città di Terracina sarà coinvolta nella Notte Blu, la serata dedicata alla celebrazione della Bandiera Blu con momenti di sensibilizzazione e intrattenimento. Un grande appuntamento per Terracina, i suoi cittadini e i suoi ospiti. Presente alla conferenza stampa anche Felice Di Spigno, presidente del Sindacato Italiano Balneari di Terracina, il quale ha espresso il proprio “orgoglio e soddisfazione per la Bandiera Blu, un simbolo ambitissimo per chi fa il nostro lavoro. Non dimentichiamo che questo riconoscimento comporta un notevole sacrificio da parte nostra perché raddoppia l’importo da corrispondere alla Regione per la concessione più l’erogazione di una serie di altri servizi che incidono nei costi di gestione. Ricordo, inoltre, che le spiagge terracinesi e l’Amministrazione hanno aderito al protocollo Plastic Free Beaches, un’azione che ci impegna ancora di più nella tutela dell’ambiente. Comunque siamo veramente felici perché, come già detto, siamo riusciti a creare una rete efficiente e vincente”.

Share this post