Vandali all’ex convento di San Francesco, la denuncia del Wwf


L’ex convento di San Francesco terra di nessuno. Blitz vandalici continui, abbandono e degrado: il Wwf Litorale pontino torna a denunciare pubblicamente la condizione dell’edificio storico di proprietà della Asl. «In questi giorni – si legge in una nota – alcuni sconosciuti si sono intrufolati nelle sostruzioni romane alla base della costruzione dell’ex-convento di San Francesco dopo aver rotto il lucchetto». La vicenda preoccupa non poco i volontari del Wwf che lavorano nel sottostante parco della Rimembranza. Come si ricorderà, in passato dal vecchio ospedale ogni tanto venivano fatti oggetto di lanci di sassi, sedie, carrelli.

«Indisturbati – prosegue la denuncia – i nuovi vandali hanno messo a soqquadro l’area esterna e i locali lasciando segni evidenti del loro passaggio. Si sono introdotti nei locali manomettendo il materiale che gli scout hanno lasciato dopo essere stati costretti ad abbandonare la sede.  E’ opportuno ricordare la vicenda di questo storico gruppo dello scoutismo terracinese da anni senza sede e costretto ad appoggiarsi a strutture inadatte per garantire un minimo di aggregazione giovanile».

La storia del vecchio immobile è davvero lunga, e il Wwf in più occasioni ha provato a trovare una soluzione. Il 27 luglio del 2017 il WWF Litorale laziale-Gruppo Litorale pontino, in collaborazione con l’Archeoclub d’Italia- sede di Terracina, l’associazione Cultura e Territorio e il Gruppo 1 degli Scout di Terracina, presentò all’amministrazione comunale una nota con documentazione allegata in cui veniva richiesto l’inglobamento nel parco della Rimembranza dell’area in precedenza occupata dagli scout.

Tale ampliamento della Rimembranza, oltre a garantire una migliore tutela, valorizzazione, fruizione e sicurezza del parco, avrebbe garantito anche la ripresa e la continuità d’uso dell’attività educativa e didattica che nel corso degli ultimi decenni era stata svolta nell’area. Sono trascorsi nove mesi senza risposta da parte dell’amministrazione comunale; come interpretare questo silenzio? Domanda a cui il Wwf vorrebbe trovare una risposta.

Share this post