Voto, Pesce (M5S): “Ridiamo alla città la sua identità”


“Il nostro dovere di amministratori sarà ricucire urbanisticamente la città ridandole così l’identità terracinese che in questi anni si è andata perdendo”. Lo dichiara Carlo Pesce, 42 anni, ingegnere ambientale, candidato al Consiglio comunale di Terracina con il Movimento 5 Stelle a sostegno del Sindaco Piero Vanni. “Se confrontiamo la zona alta della nostra città con il resto del territorio ci accorgiamo immediatamente di come nei cinquecento metri della zona storica insistono ben otto piazze, luoghi destinati alla socialità del quartiere, che gli urbanisti del tempo avevano con scrupolo previsto. Viceversa, in molti dei nuovi quartieri cittadini, peraltro molto popolosi e realizzati con varianti puntuali quasi totalmente scollegate dalla visione globale, non vi sono, o sono solo abbozzate, piazze, parchi, marciapiedi, servizi pubblici. L’idea del Movimento 5 Stelle – spiega Pesce -, consiste nel dare il via a nuova stagione di pianificazione urbanistica partecipata partendo dall’attuale PRG, ormai datato ma con molte soluzioni da conservare anche perché mai realizzate, per arrivare finalmente a declinare una città coerente ed armonica come è possibile in un territorio pianeggiante con periferie e borghi identificabili come è il nostro. Per arrivare a tutto questo – aggiunge -, è inoltre fondamentale realizzare una rete di collegamenti efficaci e sicuri: attraverso puntuali navette e piste ciclabili che permettano percorsi rapidi lungo una nuova rete viaria di mobilità cittadina che renda quasi superfluo l’uso dell’auto”. Conclude Pesce: “E’ una sfida importante, difficile, ma che Terracina deve vincere per il bene delle future generazioni e rinascere più forte”.

Share this post