Zicchieri: “Caringi non sa o agisce in malafede”


Si accende il dibattito politico. Non si fa attendere la risposta di Zicchieri dopo il comunicato di Fratelli d’Italia. “In merito alla nota pubblicata dal segretario cittadino di Fratelli d’Italia, Ass. Luca Caringi , ribadisco con forza la mia posizione -risponde Zicchieri – In merito alla mozione presentata in data odierna in consiglio comunale riguardante il trattato CETA, il mio voto di astensione vuole essere riferito non alla natura della mozione stessa, tra l’altro oggetto di “battaglia” nazionale del mio leader, bensì al metodo, ormai consueto, adoperato da questa maggioranza. La condivisione di un documento presuppone concordarne anche contenuti e forma. A differenza di ciò, lorsignori pretendono di preconfezionare uno scritto che poi, da bravo scolaretto il consigliere deve approvare; ebbene, questo sistema con me non funziona. A puro titolo informativo vorrei ricordare, all’assessore Caringi che il voto di astensione in consiglio comunale, non viene computato neanche al fine del numero dei votanti. Per chiarire ai non addetti, se in consiglio comunale votassero in venti, diciassette tra favorevoli e contrari e tre si astenessero i votanti risulterebbero essere stati diciassette. Quindi vedere un voto contrario da parte del sottoscritto in questo caso presuppone due ipotesi: o il buon Caringi non conosce il regolamento del consiglio comunale, oppure agisce in piena malafede cercando visibilità nel goffo tentativo di screditare la mia figura”.

Share this post